logo del sito fantafrasi.it
Home | Frase del giorno | Ringraziamenti | Buongiorno | Buonanotte | Auguri |

Frasi sulla tristezza: aforismi e citazioni

Scoprite le frasi sulla tristezza e gli aforismi più belli che abbiamo selezionato per voi.

Frasi sulla tristezza

“Oggi la mia anima è triste fino al corpo. Tutto me stesso mi duole: la memoria, gli occhi e le braccia”.

(Fernando Pessoa)

“La tristezza: un appetito che nessun dolore sazia”.

(E. Cioran)

“Conosco bene il sentimento di tristezza che ispira la precarietà delle cose, lo provo ogni volta che un fiore appassisce. Ma si tratta di una tristezza senza disperazione”.

(Herman Hesse)

“Un’oscura tristezza è in fondo a tutte le felicità umane,
come alla foce di tutti i fiumi è l’acqua amara”.

(Gabriele D’Annunzio)

“Non si può essere profondamente sensibili in questo mondo senza essere molto spesso tristi”.

(Erich Fromm)

“Non serve a niente una porta chiusa. La tristezza non può uscire e l’allegria non può entrare”.

(Luis Sepulveda)

“Quando uno è triste non servono le classifiche, non c’è un tristometro, è inutile dire sto mediamente peggio di te o decisamente meglio di te, si diventa tutti ottusi ed egoisti e la propria tristezza diventa una grande campana in cui ci si chiude, per non ascoltare la tristezza degli altri”.

(Stefano Benni)

“Una tristezza dolce discese in lui. Sentì quanto era vano lottare contro la sorte- era questa la saggezza che i secoli gli avevano tramandato”.

(James Joyce)

“La tristezza spazza via tutte le nostre certezze, creando uno spazio interno di vuoto. Solo in questo vuoto la nostra vera originalità potrà rinascere”.

(Raffaele Morelli)

“Il lavoro è il miglior antidoto alla tristezza”.

(Arthur Conan Doyle)

“La tristezza pura è altrettanto impossibile che la gioia pura”.

(Lev Tolstoj)

“Ah! veramente non so cosa più triste che non più essere triste!”

(Guido Gozzano)

“Se sei triste quando sei da solo, probabilmente sei in cattiva compagnia”.

(Jean-Paul Sartre)

“Saremo felici o saremo tristi, che importa? Saremo l’uno accanto all’altra”.

(Gabriele D’Annunzio)